Meditazione

Piccolo manuale per meditare in casa: dove, come, quando

 

La meditazione è l’arte di vivere con se stessi. Non è altro che questo: l’arte di essere gioiosamente soli.

(Osho)

 

Qual è il momento migliore, se non questo, per fermarci ed essere introspettivi?

Rilassarci, respirare ed ascoltare noi stessi. Seduti a terra, con un tè caldo, ascoltando i nostri pensieri e la nostra anima più profonda…

La meditazione è una pratica bellissima, semplice e alla portata di tutti perchè si può praticare ovunque e senza bisogno di strumenti. 

Ma non lasciarti ingannare, allo stesso tempo è davvero difficile, soprattutto per le persone ansiose, pensierose e molto attive.

Ho preparato un piccolo vademecum per chi vuole cominciare a meditare, per chi ha appena cominciato o per chi ha qualche dubbio a riguardo.

DOVE

In questo periodo si medita sicuramente in casa e quel che consiglio è trovarsi un angolino di pace, che ci ispiri pace e felicità. Può essere in camera da letto, nello studio, nel terrazzo…

L’importante è sentirsi tranquilli e comodi.

Io ho un mio tappetino per la meditazione attorniato da candele profumate, una campana tibetana  ed un portacandele di sale himalayano. 

Puoi sceglierti un tappeto, un tappetino o anche un cuscino. Io a volte medito anche sul divano a gambe incrociate.

QUANDO

si può meditare in ogni momento della giornata, ma io consiglio di meditare costantemente la mattina appena svegli, e la sera prima di andare a dormire. Meditare la mattina ci permetterà di cominciare la giornata con serenità e consapevolezza, mentre la sera ci permetterà di rilassarci e svuotare la mente prima di andare a dormire.

Anche al tramonto sul terrazzo, è un bellissimo ed intenso momento della giornata ideale per meditare.

COME

Ci sono tanti modi in cui meditare, a seconda di come tu ti senta più a tuo agio e riesca a meditare meglio. 

Io di solito alterno diversi stili di meditazione a seconda di come mi sento: visualizzazione quando ho bisogno di calmarmi ed evadere, meditazioni guidate quando ho bisogno di un aiuto e di una guida, quando la mia mente tende a vagare più del solito, meditazione trascendentale.

Partendo dalla meditazione più semplice, ci possiamo sedere a terra a gambe incrociate, mani appoggiate sulle ginocchia, chiudere gli occhi e ascoltare il nostro respiro, lasciando andare qualsiasi pensiero ci venga in mente.

Per scoprire di più e avere più chiarezza sulle diverse meditazioni puoi leggere questo articolo.

Se vuoi scaricare delle meditazioni guidate gratuite da cui cominciare, puoi cliccare qui.

Se vuoi scoprire una visualizzazione, clicca qui.

DIFFICOLTA’ 

La mente vaga. Quando ci fermiamo, non vuol dire che la nostra mente si fermi. Anzi. Ci verrà in mente della spesa da fare, dei piatti da lavare, del dolce da cucinare più tardi, e molte volte ci sentiamo irrequieti ed agitati, Vero?

Questo è normale, è il normale percorso della meditazione. L’importante è capire quando la mente si allontana, sentire i pensieri che ci sorgono in mente, e lasciarli andare, ad uno ad uno… piano piano… Il segreto sta tutto nella costanza, nel liberare e calmare la nostra mente ogni giorno, anche se solo per pochi minuti.

Nel tempo vedremo l’ansia e l’agitazione che si calmano, vedremo come riusciamo a controllare meglio le nostre emozioni, la paura, la rabbia, la tristezza… A decidere quali pensieri vogliamo tenere e quali sono negativi e producono ansie inutili.

Diventeremo più consapevoli di quello che facciamo, diciamo, sentiamo, diventeremo più amorevoli verso noi stessi e verso gli altri.

Con pochi minuti al giorno possiamo cambiare la nostra vita.

Se hai domande o hai bisogno di consigli per meditare, scrivimi qui,

 

Un abbraccio,

Maddalena

4 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *